Approcci terapeutici

Esistono diversi approcci psicoterapeutici. Personalmente, sono formata nella psicoterapia cognitiva e comportamentale (CBT), nella Schema Therapy e nell'EMDR.

La psicoterapia cognitiva e comportamentale si concentra principalmente sul problema attuale e sui motivi per cui le difficoltà persistono nel tempo, con l'obiettivo di sviluppare una migliore comprensione di sé stessi e imparare, con l'aiuto di strategie cognitive, emotive e/o comportamentali, a modificare i pensieri e i comportamenti inappropriati.


La CBT è una terapia attiva, che agisce non solo tramite la parola ma anche attraverso esercizi che possono essere eseguiti durante la seduta oppure tra una seduta e l'altra.

 

L'efficacia della CBT è stata dimostrata nel trattamento di molti disturbi, quali disturbi dell'ansia, dell'umore, del comportamento alimentare, del sonno, dello stress, delle dipendenze, e della mancanza di assertività.

La Schema Therapy è un metodo psicoterapeutico integrativo, sviluppato per affrontare le difficoltà croniche e profondamente radicate nella persona. Esse possono essere fonte di grande sofferenza sia per l'individuo stesso che per coloro che lo circondano, con una sensazione di ripetizione di scenari di vita difficili (ad esempio, la sensazione di innamorarsi sempre di partner non disponibili per una relazione di coppia). Questa terapia non si concentra solo sulla problematica attuale ma anche sulle sue origini nel passato.

 

L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è un metodo destinato a chi soffre di disturbi emotivi legati a dei traumi psicologici.
Se siamo sopraffatti da un evento traumatico, il nostro cervello non riesce ad elaborare (o "digerire") le informazioni associate al trauma come farebbe di solito. Rimane bloccato sull'evento, creando così un ambiente favorevole allo sviluppo di disturbi emotivi (ad esempio, irritabilità, ansia, incubi, stato depressivo, dolore fisico, somatizzazione, dipendenza, disturbi alimentari). 
L'EMDR, attraverso la stimolazione cerebrale bilaterale, sblocca i meccanismi naturali di elaborazione delle informazioni necessari per "digerire" il trauma, anche molti anni dopo. Quando la memoria traumatica viene rielaborata dall'EMDR, i sintomi associati diminuiscono o scompaiono.
L'EMDR è un approccio terapeutico riconosciuto dalla comunità scientifica per la sua efficacia nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico.